LOADING...

Sauna per la casa: da Sogno a Realtà

Il sogno di avere una sauna in casa può diventare realtà: ecco tutto quello che c’è da sapere!

A partire dalla burocrazia: la buona notizia è che non servono permessi particolari, ma solo un attestato di conformità della linea elettrica o la certificazione a norma della canna fumaria, a seconda di come è alimentata la sauna.

Inoltre, anche gli spazi non devono necessariamente essere maxi.

Per realizzare una sauna domestica, l’aiuto di un’azienda o di un professionista è importante.

 

DOVE REALIZZARLA 

Inoltre, al termine della sauna è consigliabile distendersi su un lettino o una poltrona per una decina di minuti, per rilassarsi e consentire alla pressione sanguigna di ritrovare i valori normali. Per questo sarebbe comodo avere lo spazio dove posizionare i lettini per il momento relax post trattamento.
DIMENSIONI Le misure delle saune sono a discrezione degli spazi che si hanno a disposizione. Esistono anche alcuni modelli che sono poco più grandi di una doccia. Tuttavia una sauna, seppur piccola, dovrebbe permettere a chi la utilizza di sdraiarsi, eventualmente anche con le gambe flesse. Per cui si consiglia una dimensione di almeno 1,6×1,3 metri.
MATERIALI TRA CUI SCEGLIERE È possibile scegliere tra diverse opzioni, ma le sedute devono essere realizzate in legno per evitare scottature. Il legno o altri materiali naturali, come la pietra, sono indicati per il rivestimento. La porta in vetro invece consente di godere di maggiore luminosità. Anche il pavimento è in genere realizzato con lo stesso legno utilizzato per la struttura. Vengono preferite queste essenze: cedro, acero e pioppo. Un particolare: le panche sono prive dei nodi del legno, questo per evitare che l’eventuale resina presente ustioni la pelle. Sono infiniti gli optional che si possono avere a disposizione: oltre alla diffusione di aromi, c’è la possibilità di avere la cromoterapia, o addirittura la diffusione sonora.
TIPI DI SAUNE PER LA TUA CASA Si può optare per una sauna finlandese (che viene chiamata anche sauna secca) dove la temperatura è intorno ai 90-100 °C con umidità del 20%. La biosauna invece ha una temperatura leggermente inferiore, 60-70 °C, ma umidità più alta, 40%. Qui vengono spesso utilizzate essenze aromatiche che aiutano ancora di più a rilassarsi, come anche erbe essiccate e fieno inumidito. E, infine, c’è la sauna a infrarossi –chiamata anche cabina a raggi infrarossi – con temperature sui 50-60 °C». Questa tipologia di sauna, a differenza delle altre non richiede né l’allaccio all’impianto idrico né la presenza di scarichi o di prese d’aria.
CONSUMI Il consumo elettrico di una sauna finlandese è alto, richiede minimo 4,5 kW. Quella ad infrarossi, invece, è più basso: corrisponde ad un consumo di 1,6 kW per seduta. Pensiamo a una sauna classica grande 2×1,4 metri che consuma 4,5 kW a seduta. Potrà incidere sui costi per meno di 2,00 euro a sauna. È bene sapere che, una volta definito il progetto, quindi anche le dimensioni della sauna, è possibile calcolare a priori l’effettivo consumo.
MANUTENZIONE La sauna deve essere aerata dopo l’utilizzo e pulita solo con uno straccio umido. Per il mantenimento è bene utilizzare specifici prodotti, per esempio soluzioni specifiche per il legno e il vetro. In alternativa, è possibile ricorrere anche a una miscela di bicarbonato di sodio e acqua. Consigliamo di verificare mensilmente che non ci siano residui di capelli o tessuti. Un’aspirapolvere permette di eliminare tutto ciò che potrebbe rimanere sul pavimento; una buona abitudine è anche estrarre le assi in legno e, una volta all’anno, se presenti, spostare le pietre. Questi tipi di lavori non richiedono l’intervento di un tecnico specializzato.
…………………..
Adesso tocca te! Vorresti realizzare una sauna in casa? O l’hai già fatta? Come ti trovi?
Vieni a trovarci e scopri tutte le novità e promo più adatte al tuo sogno!
Via Emilia, 349/A – Ospedaletto, Pisa