Posts Tagged "ristrutturare"

Superbonus al 110%

3 Settembre 2020

Quali i lavori ammessi all’agevolazione, gli immobili interessati e le modalità di fruizione del nuovo Superbonus al 110% introdotto dal Decreto Rilancio?

Superbonus al 110%

Superbonus al 110%

Il decreto legge Rilancio (Dl 34/2020) ha introdotto il Superbonus al 110%, la possibilità di detrarre dall’Irperf dovuta in cinque anni, le spese sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 per alcuni interventi specifici, ossia la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti negli edifici unifamiliari o nelle parti comuni degli edifici e l’isolamento termico con materiali isolanti che rispettino i criteri ambientali minimi.

Questi interventi sono definiti “trainanti” in grado di estendere l’aliquota del 110% anche ai lavori attualmente agevolati con l’ecobonus al 50 o 65%, all’installazione delle colonnine per le auto elettriche e per gli impianti per il fotovoltaico e i sistemi di accumulo, purché svolti congiuntamente ad essi.

I lavori ammessi a godere del Superbonus

  • la climatizzazione: gli interventi ammessi sono quelli realizzati sugli «edifici unifamiliari» o sulle «parti comuni degli edifici» per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di microcogenerazione o con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria (per le parti comuni, solo se centralizzati) a pompa di calore (per le parti comuni, anche a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, prevista dal regolamento delegato della Commissione Ue del 18 febbraio 2013, n. 811/2013), ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo.
  • l’isolamento termico: questo intervento deve essere realizzato con materiali isolanti che rispettano i criteri ambientali minimi del Dm dell’ambiente 11 ottobre 2017 e può riguardare le superfici opache verticali (pareti isolanti o cappotti) e orizzontali (pavimenti e coperture), che interessano l’involucro dell’edificio, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio stesso. In sostanza, si tratta di interventi di realizzazione del cosiddetto cappotto termico.

Il Decreto Rilancio prevede che solo se congiuntamente ad almeno uno di questi maxi interventi verranno sostenute spese per altri lavori, anche per questi ultimi spetterà la detrazione del 110% dall’Irpef. Si “agganciano” così agli interventi più grandi:

  • lavori di risparmio energetico su parti comuni e singole unità immobiliari, detraibili dall’Irpef al 50-65% (ad esempio l’acquisto e la posa in opera di finestre comprensive di infissi può agganciarsi agli “interventi trainanti”, così anche l’acquisto e installazione di schermature solari e di dispositivi multimediali per il controllo da remoto per riscaldamento o climatizzazione. Non si può avere il superbonus  in caso di acquisto e posa in opera di un pavimento in legno o piastrelle. In ogni caso si attendono chiarimenti da parte dell’Agenzia delle entrate).
  • l’installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici
  • l’installazione di impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo.

Per beneficiare dell’aliquota al 110%, occorre che l’intervento eseguito sull’immobile permetta di ottenere un miglioramento di due classi energetiche ovvero, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica, rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata.

Sismabonus e superbonus al 110%

Permettono di godere dello sconto Irpef del 110% anche gli interventi di messa in sicurezza degli immobili per cui si può fruire del sismabonus, sempre se realizzati tra il 1° luglio 2002 e il 31 dicembre 2021. L’agevolazione fiscale si applica così agli interventi antisismici finalizzati alla messa in sicurezza statica degli edifici abitativi, purché non ubicati nelle zone sismiche 4, fino a un massimale di spesa non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare. Laddove poi il contribuente ceda il credito corrispondente alla detrazione ad una compagnia di assicurazione, stipulando contestualmente una polizza a copertura degli eventi calamitosi, allora anche la detrazione dei relativi premi sarà agevolata, nella misura del 90% e non più del 19%.

Bonus facciate e superbonus?

In merito al bonus facciate, ossia la possibilità di detrarre dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche (Irpef) il 90% delle spese documentate relative agli interventi edilizi finalizzati al recupero o restauro della facciata degli edifici, non è previsto direttamente alcun aumento dell’aliquota dal 90% al 110%. Tuttavia chi ha intenzione di effettuare i lavori sulle facciate esterne degli edifici potrà scegliere il nuovo superbonus del 110% “allargato” nel senso che dovrà eseguire un intervento più grande connesso alla climatizzazione e all’isolamento termico e aggiungere i lavori sulla facciata quando non sono di sola pulitura o tinteggiatura esterna, ma influiscono dal punto di vista termico o interessano oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio. A tal proposito però si attendono ulteriori chiarimenti e istruzioni da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Superbonus su prima e seconda casa

Il superbonus 110% è previsto su tutti gli interventi effettuati dai condomini, nonché, sulle singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale, dalle persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni su unità immobiliari diverse da edifici unifamiliari non adibiti ad abitazione principale.

Così gli edifici condominiali sono sempre ammessi al superbonus, a prescindere dal fatto che le singole unità immobiliari che compongono il condominio siano abitazioni principali o altro: in sostanza, se su un edificio condominiale viene effettuato ad esempio un cappotto termico, l’intervento è agevolabile con il superbonus del 110%, a prescindere dal fatto che nel condominio possano esserci studi professionali, negozi e seconde case.

Il Superbonus è ammesso anche su unità immobiliari, anche edifici unifamiliari, ma solo adibite ad abitazione principale mentre non è previsto sulle seconde case.

Le detrazioni fiscali per i lavori in casa

Il Superbonus al 110% – previsto per interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti e di isolamento termico a cui si possono agganciare gli altri lavori ammessi a godere dell’ecobonus e del bonus facciate – si aggiunge così al novero delle altre detrazioni fiscali per interventi sulla casa.

Così la detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione, spetta nel caso di interventi ristrutturazione edilizia indicati dall’articolo 16-bis, comma 1, del TUIR ovvero, tra gli altri, interventi di manutenzione ordinaria (solo sulle parti comuni di edifici residenziali), manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2020, si può beneficiare di una detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare.

Il bonus mobili

Connesso alla detrazione fiscale per ristrutturazione, c’è il bonus mobili, ossia l’agevolazione per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione che consiste in una detrazione dall’Irpef in misura pari al 50% prevista per l’acquisto. Condizione indispensabile per avere il bonus è quella di realizzare una ristrutturazione edilizia e usufruire della relativa detrazione Irpef al 50% fino al 31.12.2020, sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici residenziali.

Nel novero delle detrazioni fiscali previste per il contribuente c’è anche il bonus verde,  una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per una serie di interventi che riguardano il verde. Nel dettaglio il bonus verde è previsto per la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi e la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili. La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo, comprensivo delle eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

Da sottolineare che tali detrazioni sono fruibili nella misura più alta fino alla fine di quest’anno mentre il Superbonus al 110% è valido dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Inoltre le prime sono fruibili nella dichiarazione dei redditi in dieci quote annuali mentre il superbonus in cinque. Inoltre la detrazione per gli interventi di recupero edilizio al 50% fino al 31 dicembre 2020 non è cumulabile con l’ecobonus: così nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni per lariqualificazione energetica che in quelle per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente può fruire, per le medesime spese, soltanto dell’uno o dell’altro beneficio. Si dovrà chiarire se lo stesso concetto vale anche per il Superbobonus.

Superbonus al 110%

Superbonus al 110%

• Scopri altre novità e curiosità su http://www.edilcomes.com/news/

Decorazioni Murali:arredare con ARTE

17 Agosto 2020

Squisite decorazioni murali per vestire i tuoi ambienti di bellezza tattile: la Carta da Parati diventa ARTE

Dai libero sfogo alla tua fantasia e creatività decorando i tuoi interni con le nuove decorazioni murali che trovi nel nostro show-room, vieni a trovarci e tocca con mano i cataloghi materici che racchiudono tutte le texture disponibili!

Via Emilia, 349/A –  Ospedaletto, Pisa

Ognuna di queste creazioni è per portare poesia nel tuo spazio, vestire la tua anima, e dare un tocco di creatività e unicità alla tua dimora. Oggi possiamo avere una superficie personalizzata con la stampa o la texture che preferiamo, perfino in zone umide come il bagno o la cucina, senza temere scollamenti poiché, grazie ad una composizione studiata ad hoc, si è arrivati ad una versione vinilica inattaccabile da muffe e batteri, impermeabile ed a prova di condensa.

Oppure scarica il nostro catalogo online GRATUITAMENTE scopri i numerosi consigli per arredare la tua zona bagno!

 

Open Day Aluvetro

24 Luglio 2020

In direttissima alcuni scatti che racchiudono alcuni momenti di questo Venerdì dedicato alla conoscenza di un nuovo prodotto nel nostro show-room: Aluvetro!

Un connubio vincente, minimal ed elegante dove l’utilizzo del vetro in architettura dona: ➡️ profondità e ampiezza agli spazi ➡️ incrementa la luminosità degli ambienti ➡️ aggiunge valore estetico alla struttura Quando tutto deve apparire elegante anche una balaustra contribuisce alla pulizia formale di uno spazio!

☎️ Filippo Colombini +39 331 7018383

• Dal Lunedì al Venerdì 09:00 – 13:00 e 15:30 – 19:30 • Sabato 09:00 – 13:00 e (15:30 – 19:30 solo su appuntamento)

Via Emilia, 349/A – Ospedaletto, Pisa

 

Sanitari Filomuro: perché sempre più professionisti li scelgono

20 Luglio 2020

Tanti vantaggi e pochissimi inconvenienti: ecco perché i sanitari filomuro stanno vivendo un boom

Possono essere a terra o sospesi, in ogni caso i sanitari filomuro garantiscono una serie importante di vantaggi, in termini di dimensioni più ridotte, maggiore semplicità nella pulizia e, non ultimo, stile.

Ecco, nello specifico, perché.

 

Innanzitutto, un chiarimento su cosa sono: i sanitari filomuro si differenziano dagli altri perché hanno lo scarico a pavimento, per questo viene eliminato lo spazio fra il sanitario e il muro, necessario invece per i modelli tradizionali. Possono essere proposti in due varianti: a terra o sospesi. Nel primo caso il corpo del vaso e del bidet tocca il pavimento, nel secondo l’installazione prevede un sistema che fa sì che i sanitari possano occupare ancora meno spazio ed essere sospesi da terra.

L’elenco di vantaggi è ricco e, riassumendo, i punti di forza di questo tipo di sanitari spaziano fra le conseguenze positive che derivano dalla sua geometria, dal suo volume e dalla tipologia di installazione. Ecco, a seguire, i 3 punti fondamentali, poi confermati dai Pro attraverso la presentazione dei loro progetti.

 

C’E’ SPAZIO IN PIU’

Più Spazio

Più Spazio

Nei vasi standard il centro dello scarico occupa solitamente 20 cm mentre in quelli filomuro sono sufficienti 10-12 cm. Un vantaggio non da poco, considerando che spesso è necessario fare un gioco di incastri – e di centimetri – quando lo spazio a disposizione è poco. Avere circa dieci centimetri in più dà la possibilità ai progettisti di comporre con maggiore libertà la pianta del bagno.

 

LA PULIZIA E’ PIU’ SEMPLICE

Più facile la pulizia

Più facile la pulizia

Mancando le tubazioni a vista, le curve che seguono gli impianti e che caratterizzano i sanitari tradizionali non ci sono più e diminuiscono di conseguenza i punti più difficili da raggiungere e dove si annida più spesso la polvere. Il volume semplice e compatto, quindi, semplifica di netto le operazioni di pulizia.

 

NON TRASMETTONO ONDE SONORE

Diminuzione dei rumori

Diminuzione dei rumori

Soprattutto nella variante sospesa che non poggia a pavimento, la conformazione del sanitario filomuro permette di interrompere la diffusione delle vibrazioni acustiche spesso associate all’uso del vaso e del bidet.

Qualche svantaggio? Sì, un leggero incremento dei costi ma soprattutto (e quasi esclusivamente) eventuali inconvenienti legati alla qualità della posa e dell’installazione: laddove non sia fatta ad arte si creeranno delle intercapedini fra il sanitario e il muro. Sarà quindi necessario affidarsi a professionisti esperti, spaziando fra progettisti, muratore, piastrellista e idraulico.  

Vieni a trovarci e scopri il nostro show-room!

Scarica il nostro PDF Gratuitamente: “Le 10 Regole d’oro per un bagno a prova di Comfort”

Il Parquet Igienizzante

1 Giugno 2020

Armonico il Parquet Igienizzante

E’ un progetto che bilancia colore e forma della materia allineandola con i vari mood e le varie esigenze del vivere contemporaneo.

I colori sono espressi attraverso una palette che ha la sua centralità nel colore bianco_materico, per poi spostarsi “armonicamente” verso i toni “freddi” da una parte e “caldi” dall’altra, mentre le  superfici sono realizzate con materia prima di alta qualità. Lavorate con le migliori tecnologie applicate al legno e protette superficialmente con “Legnoresina® e con una specifica finitura progettata per rendere il pavimento adatto a tutte le situazioni.

Legnoresina®

LEGNORESINA® / IL PARQUET NON FA PIU’ PAURA

E’ una rivoluzionaria protezione/ resina progettata da Salis e Renner per conferire alle superfici in legno durabilità, performances e affidabilità mai viste prima.

NON E’ UN OLIO, NON E’ UNA VERNICE.

E’ un mix di Resine pregiate al 98% e materie prime naturali che creano un aggrappaggio strutturale con il legno conferendone caratteristiche tecnico-prestazionali straordinarie.

"<yoastmark

PRIMA DI TUTTO LA SALUTE E L’AMBIENTE

Benessere e natura sono due concetti da cui oggi è impossibile sottrarsi.

Legnoresina® non accetta compromessi:

NON RILASCIA FORMALDEIDE, NON CONTIENE PENTACLOROFENOLO

Grazie alle resine purissime di ultima generazione che compongono la quasi totalità dello strato superficiale, Legnoresina® è amica dell’ambiente e della salute di chi dovrà vivere il pavimento in legno, che rappresenta da sempre la superficie ideale per vivere in armonia e in totale benessere la propria abitazione.

RESISTE DI PIU’

Resiste il 50 % in più rispetto ad una classica protezione, questo grazie al microfilm di resina ma anche all’aggiunta di particelle di corindone, un minerale dalla grande durezza superficiale, il cui uso è noto nel mondo ceramico, per conferire maggiore resistenza al grès porcellanato.

Questa combinazione resina_corindone crea infatti uno strato protettivo ad alte prestazioni, proteggendo e preservando il legno più a lungo dall’usura e dalle azioni di deterioramento nel tempo.

I BATTERI HANNO VITA BREVE

Grazie alle speciali cariche di ioni di argento. le superfici in legno trattate con Legnoresina® creano un’attività igienizzante. riducendo la carica batterica del 99.9%. L’azione biocida avviene bloccando la respirazione del batterio, provocandone conseguentemente la morte.

Gli ioni di argento contenuti all’interno di Legnoresina® provocano una netta riduzione della contaminazione batterica in tempi brevi, garantendo un azione igienizzante immediata, in ambienti privati ma anche in quelli pubblici.

I legni trattati con Legnoresina® sono perciò il miglior spazio dove giocare, vivere, riposarsi.

RESISTENZA ALLE MACCHIE

Le superfici in legno trattate con Legnoresina® subiscono numerosi test per certificare la resistenza alle macchie.

Acqua distillata, Detergente, Acetone, Etanolo (Diluito al 50%), Vino rosso, Aceto di vino rosso, Olio di oliva, Latte, Caffè, Tè,

Ammoniaca (in soluzione acquosa al 10%), inchiostro nero.

Proprio così, anche in cucina ed in bagno. Adesso non hai più scuse.

REAZIONE AL FUOCO

li legno è visto da sempre come un materiale con il limite della infiammabilità, ovvero la propensione di bruciare fino alla completa combustione.

Legnoresina® Technology supera questo limite attraverso l’uso di materie prime ignifuganti, rendendo il manufatto certificato per la reazione al fuoco in classe CFL-S1, che riguarda le superfici in legno in possesso della classe 1 di reazione al fuoco.

Tale certificazione risulta ai sensi della UNI EN 13501-1.

Contattaci per prende un appuntamento con il nostro team di professionisti!

Beatrice Dolcetti +39 349 0979912 Daniela Fuccaro +39 392 3319353 Veronica Donofrio +39 349 5974157 Antonella Dini +39 345 7666111

– • Dal Lunedì al Venerdì 09:00 – 13:00 e 15:30 – 19:30 • Sabato 09:00 – 13:00 e 15:30 – 19:30

Vi aspettiamo nel nostro SHOW-ROOM  in Via Emilia, 349/A – Ospedaletto, Pisa

 

Le Piastrelle 2020 che non ti aspetti

8 Aprile 2020

Dal nero totale, al pastello; dal 3D reale o disegnato; dallo stile jungle alle classiche cementine: le Piastrelle viste al Cersaie

Nuove fantasie e decori inaspettati che dimostrano una continua ricerca di materiali e effetti ottici arriveranno nelle nostre case rendendole sempre meno minimal e scontate e sempre più colorate, infatti abbiamo selezionato 8 tendenze, fra colori e decori, per immaginare come saranno i prossimi progetti. Ci sono alcune costanti, come le piastrelle che ricordano le cementine e i rivestimenti in bianco e nero, e altre novità emergenti, come il gres che ospita decori pittorici o tessili o le varianti nei colori pastello.

Sta a voi la scelta: osare o rimanere sui toni soft?

ILLUSIONE 3D

Le Piastrelle 3Dsi stanno diffondendo sempre più, perché in grado di dare personalità a una parete; ma a pavimento o su percorsi di passaggio la sensazione tattile del 3D può disturbare. Ecco che arriva il piano B: le tre dimensioni ci sono ancora ma si tratta di un’illusione ottica, multicolor e super originale.

ISPIRAZIONE CEMENTINE

Rimanendo nella gamma di piastrelle super colorate e vivaci, anche questa edizione del Cersaie propone nuove interpretazioni per le tradizionali cementine. Da alternare fra loro, per ottenere pareti, pavimenti o singole sezioni (come i paraschizzi), portano subito colore e allegria in casa.

COLORI PASTELLO

Per chi ama, invece, ambienti più tenui e tonalità più delicate, arriva un altro trend, ovvero si tratta di piastrelle declinate nei colori pastello, con il rosa come protagonista non convenzionale.

BIANCO E NERO

Un grande classico: alternare bianco e nero per comporre pavimenti di immediato impatto e stavolta non solo per la cucina. La novità, infatti, sta nell’usare questi colori e il formato quadrato anche in altre aree della casa, dall’ingresso alla zona giorno. Oppure, per rimanere in tema ma variando nell’alternanza fra bianco e nero pieni c’è un’apertura ai decori. Lo stile optical dà il benvenuto alle piastrelle decorate come se fossero cementine ma rimanendo intransigenti sui toni: sono ammessi solo il bianco e il nero.

IL NERO TOTALE

E se anche la semplice alternanza con il bianco è troppo per voi, potete scegliere fra i rivestimenti neri al 100%. A forma di esagono, a mosaico, grandi lastre, classiche piastrelle: il nero, comunque, non è mai sinonimo di monotonia perché i rivestimenti si possono comporre spaziando fra geometrie, formati e dimensioni.

STILE JUNGLE & TRAME TESSILI

 

Sì, la natura è uno dei soggetti scelti più di frequente per i decori dei rivestimenti. Nello specifico le grandi foglie che rimandano alle foreste tropicali e che portano subito lo stile jungle in casa.  E se non siete amanti proprio degli ambienti ‘aggressivi’, arriva la variante adatta a voi: l’ispirazione è sempre la stessa, ma le tonalità saranno più tenui, per aprire le porte alla giungla, ma fino a un certo punto.

Ultima variante, dedicata soprattutto ai più romantici e agli amanti dello stile classico, arriva il Grès che ricorda le trame tessili più tradizionali, ispirato alla carta da parati. Spazio a piccoli fiori e decori tono su tono, per rivestimenti resistenti e facili da pulire (in linea con le caratteristiche tecniche del grès) ma di ispirazione classica.

Hai trovato la variante che fa per te?

Scrivici a info@edilcomes.com 

 

Idee d’Arredo e Accessori Bagni di Lusso

30 Marzo 2020

Bagni preziosi, in cui ogni dettaglio è scelto con cura, i materiali sono pregiati e gli accessori si fanno notare.

• Passa a trovarci in Via Emilia, 349/A – Ospedaletto, Pisa

• Oppure scarica il PDF Gratuito sulle 10 regole d’oro per un bagno a prova di Comfort

Materiali importanti, accessori bagni con dettagli d’epoca, accostamenti ricercati e ben calibrati: se il budget e lo spazio ce lo consentono, possiamo ripensare il nostro bagno per trasformarlo e renderlo sontuoso e speciale. Vediamo insieme alcune immagini di bagni di design, in diversi stili, tra cui trovare ispirazioni per arredare un bagno di dimensioni generose.

Angolo doccia in marmo

Angolo doccia in marmo

In questo primo, sontuoso, grande bagno, la caratteristica principale è l’utilizzo del marmo, in particolare per definire e rivestire l’ampia zona doccia. La stessa finitura è richiamata nel mobile lavabo.

Esistono tanti altri materiali che riescono a presentare un’effetto marmo impeccabile.

Marmo o Effetto Marmo ad un'unica parete

Marmo o Effetto Marmo ad un’unica parete

Anche in questa idea per arredare il bagno il particolare che rende speciale il box doccia è il marmo, ma utilizzato per una singola parete.

MARMO A TUTTA PARETE

Se nell’esempio precedente il marmo viene utilizzato per definire aree funzionali, qui lo ritroviamo invece per dare un tono sofisticato a tutto il bagno. Riveste, infatti, tutto il pavimento, salendo lungo tutta la parete. L’insieme è reso ancora più sontuoso dall’utilizzo di vari accessori, come ad esempio la ricca tenda a fiori.

Marmo o Effetto Marmo a tutta parete

Marmo o Effetto Marmo a tutta parete

DAL PAVIMENTO AL SOFFITTO

Anche qui il marmo prosegue dal pavimento alla parete, arrivando a rivestire anche il soffitto. La grande vetrata e l’illuminazione della vasca rendono l’effetto d’insieme ancora più esclusivo.

Rivestimento dal pavimento al soffitto

Rivestimento dal pavimento al soffitto

COLORI ARDITI E GRANDI DIMENSIONI

Conservare un vecchio e consumato parquet può essere una scelta elegante, soprattutto se abbinata a una grande doccia rivestita di marmo, le cui venature, leggermente viola, sono riprese senza mezza misure dalla pittura della parete.

Colori arditi e grandi dimensioni

Colori arditi e grandi dimensioni

LUCI PREZIOSE

Se si vuole ottenere un bagno davvero sontuoso, dobbiamo necessariamente mettere grande cura nella scelta delle luci. Quindi via libera ai lampadari, da integrare con faretti nella zona dello specchio. Funziona anche la scelta del lampadario di cristallo in stile déco, inserito in un bagno in cui domina il bianco.

PARTICOLARI SONTUOSI

Un bagno di dimensioni contenute può essere reso più prezioso puntando su pochi ma interessanti dettagli. In questo caso si è scelto di inserire degli elementi d’epoca in ottone, da interpretare con un pizzico di ironia.

Particolari sontuosi

Particolari sontuosi

MINIMALISMO DI LUSSO

Spoglio e lussuoso allo stesso tempo, questo bagno abbina tre elementi dal forte impatto scenografico: la vasca, lo specchio d’epoca e il lampadario in ferro battuto e cristallo.

Minimalismo di lusso

Minimalismo di lusso

OTTONE E MIX DI MATERIALI

Anche qui, come nell’esempio precedente, i materiali scelti rendono il bagno sontuoso e ricercato. Si notano, in particolare, la vasca e il lavabo in ottone e l’accostamento riuscito di due pavimenti diversi – per zona doccia/vasca e resto del bagno, e di un terzo rivestimento per le pareti.

Ottone e mix di materiali

Ottone e mix di materiali

Fughe Colorate: un dettaglio che fa la differenza

25 Marzo 2020

Le fughe colorate risultano essere una soluzione originale per le piastrelle del bagno e della cucina, dal grande impatto estetico e basso costo

Nonostante la tendenza sia quella di camuffare al massimo le fughe tra le piastrelle, accentuarle è una soluzione che può dare personalità a bagni e cucine. Piastrelle in formato piccolo monocolore o bianche, con il materiale delle fughe colorato (verde, rosso, toni ocra) è tutto ciò che ci serve per ottenere ottimi risultati con un budget ridotto. Scopriamo assieme 8 motivi per i quali dovresti colorare le fughe tra le piastrelle.

I GIOCHI VISIVI OTTENUTI SONO UNICI

"Piastrelle

Unisci piastrelle dal formato piccolo a una parte della parete senza piastrelle, pitturata con lo stesso colore delle fughe.  Per chi cerca un risultato ancora più radicale, può prendere spunto dall’immagine qui riportata: si tratta di una tessera con trama di vetro opaco in diversi colori, che crea un gioco visivo con la fuga. Tramite il gioco di fondo-forma, si ottiene una superficie che sembra viva, in movimento, grazie all’orientamento dei pezzi.

Mosaico con fughe verde acqua

Mosaico con fughe verde acqua

PUOI SCEGLIERE COLORI DI TENDENZA E QUANDO TI STANCHI RIDIPINGERE FACILMENTE

In questo caso, è stato utilizzato un mosaico in gres bianco con le fughe color verde acqua per rivestire pareti, pavimento e vasca. La parte superiore della parete e del soffitto è stata pitturata con lo stesso colore delle fughe. Questo tipo di ceramica può essere applicata su diverse superfici. Non avere paura di scegliere colori sgargianti o di tendenza: potrai rinnovare le fughe e ridipingere la parete superiore quando ti sarai stancato.

Piastrelle bianco brillante con fughe dai toni caldi

Piastrelle bianco brillante con fughe dai toni caldi

UNA SOLUZIONE IDEALE PER DARE COLORE AD UN BAGNO PICCOLO

Quando lo spazio è molto ridotto, le note di colore e le decorazioni molto appariscenti non funzionano. In questo bagno notiamo piastrelle con finitura bianco brillante e fughe sui toni del rosso. Grazie alla brillantezza si ottimizza la luce e si ottiene un tocco di colore: il rosso si riflette sulla finitura delle piastrelle

Combinazione di colori tra piastrelle e fughe

Combinazione di colori tra piastrelle e fughe

COMBINAZIONE DI COLORI TRA PIASTRELLE E FUGHE INFINITE

Il giallo e il verde sono stati riservati, in questo bagno, alla parete frontale del doppio lavabo. Nel resto dell’ambiente è stato utilizzato lo stesso formato ma di colore bianco e con le piastrelle posate in senso orizzontale. Per aggiungere un dettaglio interessante è stato messo in rilievo lo specchio con un attaccapanni di cuoio, discreto e con molta personalità.

Un bagno dall’aspetto rétro ma al tempo stesso contemporaneo

Un bagno dall’aspetto rétro ma al tempo stesso contemporaneo

DIPINGERE LE FUGHE FUNZIONA ANCHE CON LE PIASTRELLE DIAMANTATE

Piastrelle diamantate

Piastrelle diamantate

Quando le piastrelle sono accompagnate da fughe dello stesso colore, si ottiene un risultato molto pulito. Ma possiamo optare anche per l’applicazione di una fuga nera abbinata a una piastrella bianca, per far risaltare ancora di più il formato, come si vede nell’immagine. Il risultato è una cucina attuale, che si abbina alla perfezione con gli armadi, i cassetti e la rubinetteria.

PER I MENO AUDACI CI SONO ANCHE LE COMBINAZIONI PIÚ DISCRETE

Se l’obiettivo è quello di ottenere un ambiente luminoso molto pulito, la cosa migliore è optare per una fuga sottile e con un tono delicato. sceglie una piastrella bianca quadrata in un formato piccolo e una fuga con un tono verde chiaro. Il risultato è discreto, ma apporta un semplice tocco di colore. Nell’ultima fotografia del dettaglio è possibile apprezzare più chiaramente il colore della fuga. Inoltre, è stata seguita una collocazione romboidale della piastrellatura, che genera linee diagonali nell’ambiente.
Fuga sottile con tono delicato

Fuga sottile con tono delicato

Fuga sottile con tono delicato

Fuga sottile con tono delicato

Green nella Zona Bagno? Lasciati ispirare!

16 Marzo 2020

Vuoi rinnovare il tuo bagno e portare il verde fra le tue mura? 


Accattivante e raffinato. Il verde in bagno si può rivelare un ottimo escamotage per pensare a un nuovo ambiente, ma anche solo per rinnovarlo dandogli più qualità e carattere.

Ideale se si desidera impreziosire lo spazio con intensità e colore. Il verde può essere facilmente impiegato sia a parete sia a pavimento e abbinato tanto ai colori neutri, in modo particolare il bianco, quanto alle tinte più sature e decise, come i blu e alcune sfumature di rosa particolarmente intenso. Perfetto anche per realizzare combinazioni materico/cromatiche con materiali come l’acciaio, il legno e il marmo. E’ considerato uno dei colori d’arredo più versatili. Negli ultimi anni è stato spesso impiegato per ‘colorare’ le più interessanti tendenze d’arredo per la casa. Dal verde acqua al verde abete, passando per il verde smeraldo e per l’amatissimo verde salvia, ecco sette sfumature di verde da provare in bagno.

Verde Acqua

Verde Acqua

• IL VERDE ACQUA PER DONARE LEGGEREZZA

Tonalità di verde particolarmente indicata per il bagno, il verde acqua è una sfumatura intensa e insieme delicata che dona agli ambienti freschezza e profondità senza caricarli troppo. Ideale per personalizzare piccoli bagni, anche non particolarmente luminosi. Può essere facilmente abbinato, per esempio, a una sfumatura di rosa o di color glicine come in questo caso, ed è perfetto per dare vita ad ambienti bagno moderni, semplici e interessanti dove è proprio il colore il grande protagonista.

Verde Acqua

Verde Acqua

Verde acqua che si presta bene anche a caratterizzare un bagno in stile vintage. In questa soluzione, per esempio, è declinato su piastrelle a parete e ben si presta a creare degli interessanti giochi di contrasti con complementi e decorazioni nere.

• VERDE SALVIA PER NON SBAGLIARE

Nuovo neutro super amato, il verde salvia è la risposta più contemporanea ai classici color crema e beige. Colore d’impatto, ma al contempo minimale, è fra le sfumature di verde più garbate e interessanti. In bagno il verde salvia apre a combinazioni accoglienti e bilanciate, contemporanee, ma calde. Il colore è un meraviglioso sottofondo, presente, ma non invadente. Pensato, come in questa soluzione, in maniera non convenzionale per realizzare la resina a pavimento, ben bilancia le importanti pareti, schiarendo il giusto e attenuando l’intensità del blu.

Declinato invece, per un bagno non grandissimo, su un pattern parete/pavimento in bianco burro e verde salvia, interrompe la monotonia, un po’ siderale, del total white e regala all’insieme un garbato equilibrio.

 

• PER GIOCARE CON LA CARTA DA PARATI E DISSIMULARE LE DIMENSIONI: VERDE MENTA 

Fra le tonalità di verde più brillanti, e quindi talvolta considerate meno facili da abbinare, il verde menta, in bagno, può invece diventare un valido alleato per creare giochi a parete e fantasie che dissimulino soffitti particolarmente alti o dimensioni non proprio regolari.

Pensato per realizzare giochi di fantasie vegetali e botaniche, e abbinato, per esempio, ad altre sfumature di verde, il verde menta è fra i colori migliori se si desidera portare all’interno dell’ambiente energia e dinamismo. Inoltre, sarà indicatissimo per valorizzare una o più pareti, mimetizzando eventuali ‘difetti’, come per esempio l’assenza di finestre.

Verde Menta

Verde Menta

• SPERIMENTARE QUALCOSA DI DIVERSO? VERDE OLIVA

Che sia un singolo muro colorato all’interno del bagno, un mobile lavabo dalle sfumature intense, o l’intera scatola delle quattro pareti dell’ambiente, il verde oliva in bagno è un colore che promette bene. Ricco di giallo al suo interno, è scuro, ma saturo, compatto ed estremamente vellutato alla vista. Un colore profondo che si presta a vestire bagni ampi – o loro porzioni – e che potrebbe essere una valida soluzione cromatica per le camere da letto che prevedono il bagno a vista.

• UN TOCCO DI RAFFINATEZZA? VERDE SMERALDO

Verde smeraldo

Piastrelle Verde Smeraldo

Elegante e senza tempo, il verde smeraldo è un colore d’impatto che in bagno trova una perfetta collocazione a parete. Ottimo come colore guida per realizzare una o più superfici, siano esse dipinte o rivestite (in piastrelle o mosaico). Va benissimo se si è a caccia di un colore forte, ma non troppo impegnativo, che faccia da contraltare a materiali importanti, come per esempio il marmo. Da preferire per un bagno ricco di luce naturale (i raggi solari sono perfetti per far risaltare le mille sfumature del colore a parete). E’ di forte impatto se declinato su piccole mattonelle in ceramica a effetto diamantato, proprio come nella foto.

• PER ESSERE DI TENDENZA: IL VERDE PETROLIO

"<yoastmark

Raffinato e di grande tendenza, il verde petrolio è la risposta più chic a chi desidera portare il colore in bagno ma vuole uscire dall’ovvio delle solite tonalità. Sfumatura di verde al confine con le più dense sfumature di blu, il color petrolio in bagno veste bene pareti e pavimenti. Declinato su un rivestimento, come in foto, e accostato al bianco puro, conferisce all’insieme un meraviglioso movimento cromatico. Non necessita di altro. Arreda lo spazio con grande qualità estetica grazie proprio al dialogo bilanciato fra le due tonalità.

• IDEALE PER FAR RISALTARE I MATERIALI: VERDE AGRIFOGLIO

Sfumatura di verde decisamente scura e intensa. Ilverde agrifoglio è un colore che in bagno può diventare un ottimo alleato per dare qualità all’insieme e far risaltare materiali come il legno chiaro o i metalli dorati. Da pensare se si desidera dare intensità, può essere la soluzione migliore per creare all’interno del bagno un bilanciamento fra colori e materiali o se si vuole. Come in questa foto, dare un tocco di colore solo a un angolo o a una parete.

Verde Agrifoglio

Verde Agrifoglio

Nuova Ferramenta Ristrutturata

26 Febbraio 2020

SPECIALISTI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Dal 1970 rappresentiamo un punto di riferimento a Pisa per la fornitura di tecnologie, prodotti e finiture per il settore edileoperiamo da oltre 40 anni ponendoci come partner per imprese e privati, a cui offriamo un supporto completo per tutto ciò che riguarda l’edilizia sostenibile ed il benessere all’interno della casa.

Il nostro punto vendita fa parte del Network Made che vanta 190 Punti Vendita distribuiti su tutto il territorio nazionale. La vantaggiosa unicità che offriamo consiste nel conciliare la nostra competenza “artigianale” con la capacità di offrire le migliori marche, i migliori prezzi, grazie ai volumi acquistati da Network

Competenza, concretezza ed esperienza sono i nostri punti di forza che potrai apprezzare visitandoci: potrai scoprire anche la nostra NUOVA FERRAMENTA che si è arricchita di nuove classi merceologiche come ad esempio il libero servizio di Termoidraulica e di carpenteria in legno.

• Passa a trovarci, puoi trovarci in Via Emilia, 349/A – Ospedaletto, Pisa